Cardiologia

Fondazione Umberto Veronesi è impegnata a combattere le malattie cardiovascolari e le malattie croniche

Cardiologia

Fondazione Umberto Veronesi è impegnata a combattere le malattie cardiovascolari e le malattie croniche

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di malattia e morte nelle nostre società industrializzate e nel mondo intero. Fra i primi nemici di cuore e vasi sanguigni vi è l’aterosclerosi, che può portare a infarto, ictus e sindromi vascolari. Ma rientrano nelle malattie cardiovascolari anche difetti congeniti del cuore, malattie reumatiche e croniche, scompenso e insufficienza cardiaca. La loro diffusione nei paesi occidentali è legata a doppio filo con stili di vita errati, come il fumo di sigaretta, un’alimentazione eccessiva e poco bilanciata, un’attività motoria insufficiente e discontinua. Il prezzo di questa mancata prevenzione è alto, motivo per cui la Fondazione si batte per sostenere la ricerca d’avanguardia per proteggere il sistema cardiovascolare dalla malattia.
0%
30.000 €
Una campagna

SOSTIENI IL PROGETTO:

crea la tua raccolta fondi o dona per una già attiva

SOSTIENI IL PROGETTO:

crea la tua raccolta fondi
o dona per una già attiva

Condividi
Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di malattia e morte nelle nostre società industrializzate e nel mondo intero. Fra i primi nemici di cuore e vasi sanguigni vi è l’aterosclerosi, che può portare a infarto, ictus e sindromi vascolari. Ma rientrano nelle malattie cardiovascolari anche difetti congeniti del cuore, malattie reumatiche e croniche, scompenso e insufficienza cardiaca. La loro diffusione nei paesi occidentali è legata a doppio filo con stili di vita errati, come il fumo di sigaretta, un’alimentazione eccessiva e poco bilanciata, un’attività motoria insufficiente e discontinua. Il prezzo di questa mancata prevenzione è alto, motivo per cui la Fondazione si batte per sostenere la ricerca d’avanguardia per proteggere il sistema cardiovascolare dalla malattia.
Condividi

Campagne che sostengono il progetto