COME UN'ANOMALIA | Campagna in ricordo di Adriano Sgobba per la ricerca sui tumori cerebrali

“Il Tempo è quanto di più importante avete da offrire”. Queste sono le parole che Adriano Sgobba ha ripetuto più spesso nel corso della propria esperienza professionale, come formatore, ufficio stampa e comunicatore culturale. Un’esperienza fondamentale, intensa ma troppo breve. Adriano, colpito due anni fa da una forma non comune di tumore cerebrale, un Oligodendroglioma Anaplastico, a causa di un riacuirsi della malattia, è venuto a mancare lo scorso 29 settembre.Adriano aveva solo 36 anni e a oggi nessuno è in grado di dire che cosa provochi questa particolare forma tumorale che a quanto pare scaturirebbe da una variazione cromosomica. Perché l’enorme bagaglio umano e intellettuale di Adriano non venga dimenticato, la moglie Federica e l'amico Daniele, travolti dall’enorme ondata di affetto e stima giunta già nel corso delle prime ore successive alla sua scomparsa, hanno dato il via a una serie di iniziative dal titolo “Come un’Anomalia" (da un verso della canzone Smisurata Preghiera di Fabrizio De André, cantautore e poeta non solo molto amato da Adriano ma al quale egli aveva anche dedicato studi approfonditi nel corso della sua carriera prima universitaria e poi professionale) per rendere omaggio a un uomo dalla rara sensibilità intellettuale e umana che ha sostenuto decine di giovani promesse del teatro, della musica, del giornalismo e della cultura, promuovendone talento e aspirazioni.  A queste iniziative, inaugurate il 30 ottobre con uno spettacolo dal titolo “Come un’Anomalia. Scene e canzoni in ricordo di Adriano Sgobba” presso l'Altrove Teatro Studio di Roma, si è deciso di associare una raccolta fondi alla Fondazione Umberto Veronesi e alla ricerca sui tumori cerebrali perché, come anche Adriano tante volte in questi due anni di lotta alla malattia aveva ribadito, solo attraverso lo studio e il lavoro dei nostri ricercatori sarà possibile dare una speranza a quanti ogni giorno affrontano grandi e dolorose sfide per sconfiggere questi mali.

COME UN'ANOMALIA | Campagna in ricordo di Adriano Sgobba per la ricerca sui tumori cerebrali

Una campagna in memoria di Adriano Sgobba (25/10/2021)
Raccolta fondi di Federica Nastasia
Regione LAZIO

“Il Tempo è quanto di più importante avete da offrire”

Queste sono le parole che Adriano Sgobba ha ripetuto più spesso nel corso della propria esperienza professionale, come formatore, ufficio stampa e comunicatore culturale. Un’esperienza fondamentale, intensa ma troppo breve. 

Adriano, colpito due anni fa da una forma non comune di tumore cerebrale, un Oligodendroglioma Anaplastico, a causa di un riacuirsi della malattia, è venuto a mancare lo scorso 29 settembre.


Adriano aveva solo 36 anni e a oggi nessuno è in grado di dire che cosa provochi questa particolare forma tumorale che a quanto pare scaturirebbe da una variazione cromosomica. 


Perché l’enorme bagaglio umano e intellettuale di Adriano non venga dimenticato, la moglie Federica e l'amico Daniele, travolti dall’enorme ondata di affetto e stima giunta già nel corso delle prime ore successive alla sua scomparsa, hanno dato il via a una serie di iniziative dal titolo “Come un’Anomalia" (da un verso della canzone Smisurata Preghiera di Fabrizio De André, cantautore e poeta non solo molto amato da Adriano ma al quale egli aveva anche dedicato studi approfonditi nel corso della sua carriera prima universitaria e poi professionale) per rendere omaggio a un uomo dalla rara sensibilità intellettuale e umana che ha sostenuto decine di giovani promesse del teatro, della musica, del giornalismo e della cultura, promuovendone talento e aspirazioni. 

 

A queste iniziative, inaugurate il 30 ottobre con uno spettacolo dal titolo “Come un’Anomalia. Scene e canzoni in ricordo di Adriano Sgobba” presso l'Altrove Teatro Studio di Roma, si è deciso di associare una raccolta fondi alla Fondazione Umberto Veronesi e alla ricerca sui tumori cerebrali perché, come anche Adriano tante volte in questi due anni di lotta alla malattia aveva ribadito, solo attraverso lo studio e il lavoro dei nostri ricercatori sarà possibile dare una speranza a quanti ogni giorno affrontano grandi e dolorose sfide per sconfiggere questi mali.

5.220 €

100%
5.000 €
90 Donazioni
La campagna sostiene: Oncologia e prevenzione

Nel mondo sono ogni anno 7 milioni le vittime di cancro. Fondazione Umberto Veronesi si impegna per vedere un futuro senza cancro.

DONA ORA

Puoi donare anche per

DONA ORA